Punto Brioche – ma come si fa?

Hello! Hello!

Più o meno in questo periodo – si parla di marzo di circa quattro anni fa – avevo preso dei giorni per me e me n’ero andato a San Francisco. Ci ero già stato con il mio ragazzo, ma me ne ero innamorato a tal punto che alla prima occasione utile (e al primo biglietto abbordabile) che avevo trovato, avevo prenotato un nuovo viaggio senza alcuna remora. Da solo.

Ricordo distintamente che poco prima di partire per quelle due settimane di vacanza avevo già iniziato a provare quell’attrazione per il punto brioche, ma ricordo ancora più distintamente la frustrazione del non riuscire a completare due ferri senza perdermi completamente in sperticati brk, brp, e prodi yo, che conducevano sempre e inesorabilmente al dover disfare il lavoro fatto. Mi guardavo allo specchio e pesavo “Ma quanto sono poraccio?!!”

Tra l’altro, giusto per aggiungere aneddoti pruriginosi, Il mio primo collo a punto brioche l’ho sferruzzato seduto sul prato di Dolores Park, un posto davvero meraviglioso che chiunque sia stato a San Francisco avrà senz’altro visitato. Ricordo che, sotto un tiepido sole di inizio primavera, avevo sferruzzato per quasi due orette questo collo in brioche a due colori, rosso e nero. Avevo comprato la lana in un negozio magnifico lì vicino di nome ImagiKnit. L’ho conservato. E a dirla tutta, il ricordo è vivido non tanto per il collo, ma per l’ustione che quel tiepido sole primaverile mi lasciò in modo assolutamente inaspettato sul braccio essendomi tirato su la manica per il caldo.

Ad ogni modo, sto divagando!

Guardandomi indietro, capisco molto bene qual è stata la difficoltà primaria che ho incontrato nell’imparare questo punto, perché solitamente non ho grosse difficoltà a comprendere i meccanismi della maglia, ma col punto brioche, regà, ero una di quelle sòle che levete! La vera verità è che non avevo capito una mazza e che, invece di seguire le istruzioni del punto passo-passo, avrei dovuto prima capirlo, studiarlo e apprezzarlo. Ripeto, avrei dovuto dedicare del tempo a capire il punto, capirne il funzionamento e la sua struttura.

No, non dico tanto per dire, eh! Il brioche è una punto che una volta capito diventa come tutti gli altri punti: semplice e facile. Però, al contrario di molti altri punti, è indubbiamente più ostico all’inizio e sicuramente richiede un po’ di concentrazione in più all’inizio. È un po’ come la volpe del piccolo principe: o lo addomestichi, o je spari.

“Geometric Chaos” The Knitter Magazine, issue 116

Vediamo un po’ il Punto Brioche in piano, a un colore!

Punto Brioche ad un colore, in piano

Punto brioche ad un colore, in piano.

Avvio dei punti

Evitando di parlare di vivagno e compagnia bella, per il punto brioche solitamente avviamo un numero pari di maglie, e non dispari, e solitamente l’avvio viene fatto su un ferro più grosso o su due ferri tenuti insieme per aumentare il diametro dei punti avviati. Questo perché? Perché credo di non aver mai lavorato un punto più morbido del brioche. Una volta lavorato, infatti, tende a lasciarsi un po’ andare e a cedere. Questo fa sì che un avvio normale risulterebbe sempre troppo stretto rispetto alla reale tensione del punto a lavoro finito ed è bene adottare questo stratagemma per equiparare le due tensioni. Inoltre, è quasi inutile dire che fare il CAMPIONE per qualsiasi progetto, per qualsiasi progetto in brioche, è assolutamente fondamentale.

Le maglie avviate tenendo i due ferri del lavoro uno accanto all’altro. Questo avvio permette alle maglie avviate di essere più larghe e consente all’avvio di essere più morbido.
Avvio sui due ferri. Al termine dell’avvio, il secondo ferro viene sfilato.

Il ferro di set up

Signori e signore, il ferro di set-up è fondamentale e in quanto ferro di set-up lo faremo una volta soltanto. Diciamo che è il ferro che ci serve per poi lavorare in brioche. Quindi, ripeto, questo ferro lo facciamo una volta sola, all’invio. Vi anticipo, però, che è molto simile a tutti gli altri ferri sebbene una piccola differenza c’è.

Una volta avviate le maglie, quindi, ecco che possiamo procedere così per il FERRO 1:

*lavora 1 diritto, porta il filo verso di te, passa una maglia a rovescio e riporta il filo del lavoro sul dietro del lavoro (passandolo sopra alla maglia appena passata a rovescio)* ripeti fino a fine ferro.

Spiegazione del procedimento

Vediamo il tutto nel dettaglio. Provo a suddividere in azioni singole questo procedimento.

FERRO 1

Lavora un diritto – lavoriamo un diritto come abbiamo sempre fatto da che lavoriamo a maglia!

1 diritto – Entro nella maglia con il ferro di dx, da sx verso dx
Prendo il filo del lavoro e lo porto dentro la maglia per creare la nuova maglia
Scarico il punto lavorato sul ferro di dx.

Porta il filo verso di te e passa una maglia a rovescio – okay. Qui inizia la parte alla quale dovete prestare attenzione. Ricordatevi di portare il filo verso di voi, eh!

Porto il filo del lavoro verso di me (come quando lavoro un normale rovescio).
Entro con il ferro di dx nella maglia successiva a rovescio, (quindi da dx verso sx)
Faccio scivolare la maglia dal ferro di sx al ferro di dx.

E mo’ viene la parte che potrebbe sconvolgere le vostre nozioni di base: ma NO PANIC!

Portare il filo del lavoro SOPRA alla maglia passata e lavorare un diritto nella maglia successiva.

Dovete pensare che SOPRA alla maglia che avete appena passato, dovete metterci uno scialle. È un modo di descrivere la gettata che facciamo sulla maglia passata che Nancy Marchant ha creato e che mi sembra molto efficace per spiegare cosa dovete fare. Provate a seguirmi!

Porto il filo del lavoro su come se dovessi fare una normalissima gettata.
lo porto sopra al ferro di dx, sopra alla maglia che ho appena passato, e lo porto sul dietro del lavoro come quando devo lavorare un diritto.
Abbiamo messo lo scialle sulla maglia!!

Fatelo un paio di volte, se non siete sicuri, ma provateci. Se ancora non siete convinti, comunque, continuate a leggere. Come dicevo prima, bisogna un po’ studiarlo, il punto, prima di procedere.

È importante, in questo ferro, tenere d’occhio l’ultima maglia perché su quella ci dovremo mettere la gettata (il famoso scialle!), ma essendo l’ultima è molto facile che girando il lavoro per proseguire con il ferro successivo questo scialle ci cada. Prestiamo attenzione e ricordiamoci che sull’ultima maglia CI DOBBIAMO TROVARE LO SCIALLE.

L’ultima maglia di quelle avviate si lavora come tutte le altre maglie passate, ma fate attenzione alla gettata! Non dimenticatevela!
Come vedete, la maglia, al termine della lavorazione, è una maglia che ci appare doppia proprio perché le abbiamo messo sopra la gettata, cioè il suo scialle.

I punti sul ferro, una volta girato il lavoro, seguirono visivamente un’alternanza facile da riconoscere. Avremo (da dx verso sx) una maglia doppia (la maglia passata con sopra lo scialle) e una maglia singola (un rovescio).

Una volta girato il lavoro il nostro ferro ci apparirà così. Notate come appare chiara l’alternanza tra i punti: partendo da dx abbiamo una prima maglia doppia (una maglia passata con sopra lo scialle) e un rovescio singolo, poi un’altra maglia doppia e a seguire un altro rovescio singolo, e così via.

FERRO 2

Il secondo e tutti gli altri ferri, in realtà, li lavoreremo alla stessa maniera. TUTTE le maglie doppie (quelle con lo scialle) le lavoreremo a DIRITTO, e invece PASSEREMO A ROVESCIO tutte le maglie singole (i rovesci).

Vediamo come.

Lavoriamo a diritto la prima maglia doppia (quella con lo scialle che vi dicevo di non dimenticarvi per strada girando il lavoro!) Lavorare la maglia doppia significa che lavoreremo un diritto in questa maglia, prendendo sia la maglia che il suo scialle!

Lavoro a diritto la prima maglia doppia. Lavoro INSIEME sia la maglia passata che il suo scialle!
E ci troviamo sul ferro di dx un normalissimo diritto.

Ora portiamo il filo del lavoro verso di noi e passiamo la maglia successiva SEMPRE con lo stesso criterio descritto sopra, quindi PASSANDO LA MAGLIA A ROVESCIO. A questo punto, cosa manca? Lo scialle sulla maglia passata! Quindi facciamo la gettata portando il filo del lavoro sul dietro del lavoro e lavorando a DIRITTO la maglia (doppia) successiva. E così via!

Di nuovo, come nel ferro precedente, porto il filo del lavoro verso di me, passo la maglia che ho sul ferro di sx a rovescio (entrando, cioè, nella maglia da dx verso sx).
Una volta passata la maglia, riporto il filo del lavoro sul dietro del lavoro, facendolo passare sopra al ferro e sopra alla maglia passata (esattamente come abbiamo già fatto nel ferro precedente) creando il suo scialle.
Lavoro a diritto la maglia doppia successiva ricordandomi sempre che la maglia e il suo scialle vanno lavorati insieme.

Ora, potete continuare a procedere nello stesso modo per tutti i ferri a seguire. Le maglie doppie le lavorerete SEMPRE a diritto e le maglie singole le PASSERETE SEMPRE tenendo il filo del lavoro verso di voi affinché possiate creare lo scialle sulla maglia passata e lavorare a DIRITTO la maglia successiva.

I primi 4 o 6 ferri sono drammatici. Sul ferro vi sembrerà di avere solo tanti inestricabili nodi gordiani. Proprio così:

Sì, lo so, i primi ferri ti fanno credere di aver fatto soltanto casino. Ma non disperare.

Ma voi dovete dare fiducia al vostro lavoro. Dategli modo di crescere e dopo una decina di ferri il brioche prenderà vita!

Ecco che dopo un po’ di ferri il lavoro inizia ad avere una parvenza di brioche. E andrà sempre meglio.

Visto che spesso i pattern che si trovano del punto brioche sono in inglese e visto che sicuramente avrete incrociato qualche pattern di Stephen West, vi volevo aggiungere di seguito i termini inglesi base del brioche, giusto per aiutarvi a raccapezzarvi un po’ qualora decideste di provare a fare qualcosa di più elaborato di un collo. Per aumenti e diminuzioni, però, le cose si compliano e quindi allego di seguito dei link a dei tutorial in italiano che avevo fatto tempo fa per il blog dei Magliuomini.

brk/brp – brioche knit / brioche purl : lavorare la maglia doppia (quella con lo scialle) a diritto o a rovescio

sl1yo – slip 1 sts, yarn over : passa la maglia a rovescio e mettici lo scialle (lett. 1m pass, 1gett)

Video: Tutorial Punto Brioche

Mi raccomando! Buon brioche e per dubbi, domande o informazioni scrivetemi pure nei commenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: